Grief

Moana Pozzi

Gone but not forgotten

Moana

20 years ago with her usual good manners, she left the scene

Moana the gone but not forgotten icon who incarnated an epoch and whose untimely death at the age of 33 shook the nation. Pozzi’s charisma has been compared by some in Italy to that of Marilyn Monroe, who also died young at 36.

What remains mystifying, however, is Italy’s obsession with an actress whose roles called for more sighing and groaning throatily than memorizing lines.

Pozzi was — and remains — Italy’s most revered porn star. Stunningly beautiful with a razor-sharp mind, Pozzi created a public persona that in just a few years became as popular with hormonally charged young men as with devout grandmothers.

“She wasn’t vulgar,” Angela Branduini, a grandmother in her 60s, said of her regard for the star of films like “Moana’s Transsexual Vices,” and “Euroflesh — Sex Crazy” (neither of which Branduini has seen).

Indeed, even while Pozzi was performing in erotic cabarets and filming cheesy porn flicks, she lived a parallel life as a respected pundit on television talk shows, philosophizing about sexual freedom or holding forth on gay rights or denouncing the Mafia. She was well enough known to have a famous Italian actress, Sabina Guzzanti, impersonate her on a weekly comedy show, poking fun at Pozzi’s schoolmarmy desire to instruct Italians — who had only legalized abortion and divorce in the previous decade — on matters of the bed. It was an impersonation that hit so close to home that Pozzi despised it.

When Moana — named after a Hawaiian island that means “the point where the sea is deepest” — died in a French hospital 2 decades ago, the news was on the front pages of nearly every major Italian newspaper. And a homily given a few days later by Cardinal Michele Giordano, the archbishop of Naples, admiring Pozzi for her faith in God (she reportedly died with a pink rosary in her hand) gave birth to a public beatification of the porn star as a modern-day Mary Magdalene.

“It’s a simple mythology, that of the redeemed whore,” said Marco Giusti, the author of a book about Pozzi that was published  by Mondadori. But the image, he said, was misguided. “She always said she didn’t regret anything.” In his book Giusti posits that part of Pozzi’s allure, even today, derives from her embodiment of “the golden world” that was Italy in the 1980s, a free-wheeling era that crumbled with the Tangentopoli investigation into corruption that overturned Italian politics at the beginning of the 1990s.

Her embodiment of the times was ascribed to her affairs with some of the era’s top celebrities, including actors, designers, soccer players and intellectuals, and her suspected (never denied) affair with Bettino Craxi, the former Socialist prime minister who died in exile in Tunisia, where he fled to escape corruption charges in 1994.

As with Monroe — an actress Pozzi admired and emulated in a cover shot for the newsweekly Panorama (mimicking Monroe’s famously nude calendar photo) — part of Italy’s fascination with the porn star has to do with the captivating blend of sex and death.

“She lived these mysteries with honesty, like classical heroes did,” said Mauro Biuzzi, president of the Moana Pozzi Association, which recently started a Web site, http://www.moanamoana.it.

Biuzzi, who is also the secretary of the “Party of Love,” the political movement that sponsored Pozzi in her unsuccessful bid to become Rome’s mayor in 1993, said that the porn star was above all a diva.

She was a clone of the Hollywood Diva, Biuzzi said from his home in Umbria, she was “both kitsch and Baroque, and she painstakingly built up this image.” At the same time, he added, she was unmistakably Italian, and so became a popular national symbol. Indeed, apart from a few films shot with the American porn star and director Gerard Damiano, Pozzi’s career was almost exclusively homegrown.

Those who knew Pozzi agree that she took to creating her persona with single-minded determination. Unsatisfied with the supporting roles that came her way (she found small parts in a number of forgettable comedies), she saw porn as a way out of anonymity and into celebrity, as a way to construct an image of a woman who was both sensual and smart. She was financially shrewd as well, building a personal sex industry that included video distribution, a sex hotline and various gadgets.

The photographer Pigi Cipelli recounted his futile attempts more than 2 decade ago to get Pozzi to change expressions during a photo shoot. “She had this image she wanted to present and she wouldn’t budge from it,” he said.

“She built it up day after day,” Guisti went on. And because she spoke “perfect Italian” and “never said anything banal,” he said, she managed adeptly to pair her porn persona with that of a television pundit “acclaimed and accepted” by intellectuals and opinion leaders.

Pozzi’s death in Lyon was secretive enough to give rise to a number of conspiracy theories. Alongside rumors that the actress died of AIDS, reports have persisted that Pozzi faked her own death to escape an overwhelming public persona.

Last week, Brunetto Fantauzzi, a journalist who worked with Pozzi, called on a Roman court to clear up the doubts about Pozzi’s death.

“There are increasingly insistent voices about the porn star’s decision to burn the bridges with her past by faking a death as sudden as it was mysterious,” Fantauzzi was quoted as saying in the Rome daily Il Messaggero.

Fantauzzi raised a number of doubts surrounding Pozzi’s death, including the decision to keep it a secret for 48 hours and only release the news after the actress was cremated, “making any attempts at identification impossible.”

But Biuzzi dismissed such notions as nonsense: “She left Italy to die because of privacy, she was preparing herself for death.” He was the executor of her will and confirmed reports that she died of liver cancer.

 

Pozzi’s death at the height of her sinful splendor was a stroke of fate so clearly in tune with the traditional imagery that it sent shivers of emotion through the whole country. The single monument she set up for herself has the mixture of kitsch and generosity that characterized her work the continuation of her sex talk line, with the proceeds to be donated to cancer research. After that, with her usual good manners, she left the scene.

Amore Dopo Lutto

Scritto dal dottor David Delvin, GP e Christine Webber, psicoterapeuta

Il dolore è un processo profondamente personale. Ma alla fine, siamo molto inclini a considerare la possibilità di romanticismo di nuovo. I nostri esperti spiegano perché questo non è sempre facile.

Perdere qualcuno che amiamo è una delle cose più difficili che dobbiamo affrontare nella vita. Ma alla fine, una volta che siamo pronti, è altamente probabile che prenderemo in considerazione la possibilità di trovare di nuovo l’amore. E questo può accadere a qualsiasi età.

Nella nostra pratica abbiamo conosciuto uomini e donne formare nuove relazioni bene nel loro anni ottanta.

Un ‘nuovo rapporto’ non significa necessariamente il matrimonio, dal momento che un sacco di persone vedove ora optare per ‘vivere insieme’, o semplicemente dormire insieme, o anche solo datazione.

 Sofferenza e romanticismo

Anche se può essere emozionante ritrovare l’amore, i pensieri del partner morti possono gettano un’ombra su ogni nuova storia d’amore.

A volte le persone si sentono in colpa per la società e l’amore fisico che vogliono.

Spesso hanno ogni sorta di altre emozioni irrisolte circa la morte del partner, e più cercano di ignorarli, tanto più tendono ad emergere.

Tali emozioni sono spesso di perdita. Ma potrebbero essere di rabbia che la persona è andato, o circa il risentimento che gli altri sono ancora una coppia e può guardare avanti per una vecchiaia insieme.

A volte i sentimenti ruotano le immagini rotonda tristi o addirittura orribili degli ultimi giorni o settimane di vita di un partner. E il coniuge superstite può ben sentire che lui o lei non era sempre paziente o molto affettuoso quando l’altra persona stava morendo.

Tutte queste emozioni sono abbastanza normale avere, ma che non li rende facile da affrontare.

 Fasi del dolore

Ci sono generalmente reputata essere circa sette fasi del dolore:

shock, incredulità, intorpidimento
negazione
panico
rabbia
colpa
depressione

La maggior parte delle persone in lutto esperienza almeno alcune di queste fasi, ma non c’è nessun ordine impostato o termine di questi sentimenti.
Non è raro sentire come se avete sperimentato diversi elementi di queste fasi in un solo giorno. Per questo motivo, non utilizzare queste fasi come indicazione di massima per aiutarvi a capire improvvise emozioni difficili come la rabbia.

Per questo motivo, non utilizzare queste fasi come indicazione di massima per aiutarvi a capire improvvise emozioni difficili come la rabbia.

Riconoscere anche che queste emozioni sono parte di un processo, e che la maggior parte delle altre persone che si sentono loro.

 Quando si dovrebbe essere pronti per iniziare una nuova relazione?

Puoi trovare il tuo processo di lutto non coincide con le idee di come dovrebbe essere di altre persone.

A volte gli amici o la famiglia otterrà impazienti se non sei ‘sopra’ dopo sei mesi.
Altre volte, è possibile ottenere un forte senso che alcune persone pensano che siete duri di cuore, perché sembrate avere ottenuto per la morte rapidamente.
Tutti noi troviamo il nostro modo di affrontare la morte. Nessuno di noi dovrebbe giudicare chiunque altro su come stanno affrontando.
Ma quando si tratta di nuove relazioni, le persone sono spesso pratica ai disapprovare se un nuovo amore sboccia ‘troppo presto’.
Una recente ricerca tra gli oltre 65 anni ha dimostrato che 18 mesi dopo la morte di un coniuge, il 15 per cento delle vedove e il 37 per cento dei vedovi sono diventati interessati a uscire.

 Quando è troppo presto?

Se il vostro partner stava morendo per un lungo periodo di tempo, le probabilità sono che hai fatto un sacco di lutto prima che lui o lei in realtà smesso di respirare.

Siete quindi più propensi a sentirsi pronto per una nuova vita di qualcuno il cui coniuge morto improvvisamente sarebbe.
In caso di malattia terminale lungo, non è insolito per un nuovo rapporto di fiorire anche prima del partner muore. E anche se questo nuovo rapporto può essere una grande comodità, ma può anche essere fonte di profondo senso di colpa.
Ma non ci sono assoluti quando si tratta di sentimenti delle persone. E non esistono due individui sono gli stessi.

In generale, la società ancora non tende a condonare nuove relazioni che ‘Go pubblico’ prima di un intervallo di circa un anno. Ma ci sono eccezioni a questa regola – in particolare nei casi in cui si è ampiamente noto che il matrimonio non era molto felice.

Certo, le nuove storie d’amore non andrà bene se una persona in lutto è di evitare il dolore del lutto da subito sostituendo un partner con un altro. Recupero dalla morte di una persona amata non è proprio così facile.

Affrontare le reazioni altrui

Bisogna ricordare che nessuno sa esattamente quello che stai soffrendo. E nessuno sa con certezza cosa è andato nel vostro rapporto con il partner morti.

Così, in un mondo ideale, le altre persone dovrebbero resistere commentando qualsiasi nuova storia d’amore che avete. Tuttavia, in realtà, la maggior parte amici e familiari avranno una vista su di esso.

Speriamo, molti saranno lieti di aver trovato di nuovo la felicità. Ma ci possono essere la gelosia di altri amici che sono stati a loro più a lungo.

Suoceri

Purtroppo, si può trovare la famiglia del tuo partner morto non può venire a patti con un nuovo rapporto, anche se anni sono passati. Questo perché ritengono che il loro parente è stato dimenticato.

Se ciò accade, provare a discutere con loro solo quanto il suo partner tardi sarà sempre nella tua mente. Si potrebbe anche suggerire gentilmente che lui o lei non vorrebbe che tu a soffrire per sempre.

Nel tempo, possono venire attorno all’idea, ma è una situazione che richiede gentilezza e tatto su entrambi i lati.

E mentre è facile vedere ogni critica dai vostri suoceri come un inutile ostacolo alla tua nuova vita, cercate di ricordare che anche loro hanno avuto a che fare con la perdita del vostro partner.

E, anche se è difficile, non dimenticare mai che i tuoi parenti sono nonni o zii dei vostri figli. Come tale, sarà doloroso tutto se si cade con loro in un modo grande.

Figli e figlie

Si può anche avere serie difficoltà con i propri figli e figlie.

Se i vostri figli vivono ancora a casa, saranno influenzati da qualsiasi nuova relazione. E possono essere molto ostili perché pensano che mamma o papà è in corso aerografate dalla storia.

Può essere molto difficile affrontare questo tipo di disturbi, perché i bambini possono essere ancora profondamente turbato dalla loro perdita.

In una tale situazione, è saggio non essere palese sul suo nuovo amore fino a quando i figli sono più pronti ad accettare l’idea. Quindi non permettere che la tua amante di pernottamento prima che i vostri figli sono venuti a patti con la vostra nuova felicità romantica.

Se i vostri figli hanno lasciato a casa, non avrete abbastanza gli stessi problemi.

Ma anche se il padre o la madre sono morti diversi anni fa, la vostra prole adulta può reagire negativamente quando gli dici che hai trovato di nuovo l’amore.

E se di solito stare sopra quando si visita, essere sensibili al fatto che potrebbero sentirsi a disagio se volete che il vostro nuovo partner per accompagnare voi – soprattutto se stai chiedendo di condividere un letto.

Questa è una situazione altamente infiammatoria per le famiglie di affrontare, e il miglior consiglio che chiunque può dare è: prenditi il ​​tuo tempo.

Il sesso nel vostro rapporto nuovo

Dopo un lutto, molte persone decidono non potranno mai avere di nuovo un rapporto sessuale. Ciò è particolarmente probabile quando la morte avviene tardi nella vita.

Ma un sacco di uomini e donne trovano loro pulsioni sessuali ritornano dopo un po ‘.

Purtroppo, questo può portare a intensi sentimenti di colpa, principalmente causati da un sentimento che essi vengono infedele al partner morti.

Senso di colpa sessuale post-lutto si manifesta in tre modi principali.

Le preoccupazioni circa la masturbazione. Dopo un paio di mesi per conto proprio, un sacco di uomini e donne anziani sperimentano sensazioni sessuali, spesso accompagnati da un desiderio di masturbarsi. Questa esigenza di rilievo è in gran parte fisiologico: è causata da il normale funzionamento del corpo e dei suoi ormoni. Non è qualcosa che chiunque dovrebbe vergognarsi.

Difficoltà di erezione. Molti uomini vedovi esperienza disfunzione erettile (impotenza) quando si tenta di fare sesso con qualcun altro. Counselling della coppia è in genere efficace. A volte è utile per dare all’uomo un breve ciclo di farmaci erettile, come Viagra o Levitra, per costruire la fiducia.

Secchezza vaginale. Quando una donna decide di riprendere il sesso, lei trova spesso non riesce a rilassarsi. Come risultato, la sua lubrificante naturale non scorre, rendendo sesso scomodo. Counselling da un medico esperto di pianificazione familiare o di un ginecologo spesso mettere le cose a posto. Inoltre, l’uso di un buon lubrificante vaginale aiuterà. Un corso di crema vaginale ormonale o ovuli può beneficiare donne in post-menopausa.

Cosa succede se il vostro nuovo rapporto fallisce?

Purtroppo, non è raro per un nuovo rapporto di fallire a causa del senso di colpa o perché non siete emotivamente pronto ad andare avanti.

A volte il vostro nuovo partner potrebbe andare via perché lui o lei ritiene anche voi bisognosi o troppo coinvolto emotivamente con il vostro partner morti.

Qualunque sia il motivo della rottura, probabilmente colpirà duramente – e può resuscitare tutti i tipi di dolore legati alla morte del coniuge.

Se questo accade, provare a rendersi conto che questa particolare storia d’amore non era la tua unica possibilità di felicità. E ‘probabile che tu non eri veramente pronto per un nuovo rapporto e potrebbe essere necessario passare più tempo in lutto per il vostro partner morto e costruire la vostra forza e felicità.

E ‘probabile che tu non eri veramente pronto per un nuovo rapporto e potrebbe essere necessario trascorrere del tempo in lutto per il vostro partner morto e costruire la vostra forza e felicità.

Trascorrere del tempo di essere di nuovo single, uscire con gli amici e magari avere un aiuto per la vostra tristezza.

Probabilmente vi accorgerete che dopo un periodo di alcuni mesi – o anche un anno o due – si è più pronti per una vita sociale, compreso il romanticismo.

Andare Avanti

 

Ricominciare dopo aver perso un coniuge

By Linda Foster
Medicalmente recensito da Cynthia Haines, MD


La perdita di un coniuge

Il vostro dolore è profondo, e si pensa che il vuoto lasciato dal coniuge o il partner non può mai essere riempito. Eppure ad un certo punto, si potrebbe voler data ancora: Quando si conosce il momento giusto?
Se il vostro partner è morto, sai cosa profondo dolore è, cosa vuol dire essere veramente soli. Pensi che il vuoto che lui o lei lasciò non potrebbe mai essere riempito.
Ma si può?
L’idea di iniziare una nuova relazione può essere spaventoso e pieno di sensi di colpa. Ma in ultima analisi può essere molto gratificante. Non sarebbe la persona amata Lei si addolora per la voglia di trovare la felicità in un nuovo rapporto quando siete pronti?
Ottenere attraverso il dolore e Moving On (Andare Avanti)
Ben Brewer, PsyD, uno psicoterapeuta a Denver che si specializza nel dolore e la perdita, dice che non c’è una risposta universale alla domanda, quando è il momento “giusto” per iniziare una nuova relazione dopo la morte di un partner?
“Ogni persona sperimenta un processo di dolore unico,” dice, e il processo di lutto è influenzato da molti fattori, tra cui:

Il tipo di rapporto hai avuto con il vostro partner
Come è morto il vostro partner
La vostra cultura e background familiare
La tua risposta psicologica globale al dolore
Quando Amici e familiari reagire al tuo Incontri

Si potrebbe pensare che è tempo per voi di trovare un nuovo partner, ma sei preoccupato per quello che gli amici e la famiglia penseranno.
“E ‘importante comunicare con i tuoi amici e familiari circa il vostro desiderio di iniziare una nuova relazione”, dice Brewer. “Spesso, la famiglia e gli amici capiranno il vostro desiderio di cominciare ad uscire, e talvolta possono fornire buoni consigli su quando e come iniziare datazione se si conoscono bene.”

Eppure, Brewer avverte, “Se sei pronto per iniziare la datazione e si ottiene una reazione negativa da parte di qualcuno, rendersi conto che ognuno ha il proprio processo di dolore e che gli altri possono sperimentare il dolore in un modo diverso di te. Parlando apertamente i propri sentimenti con loro può aiutarli a capire il motivo per cui si desidera avviare la datazione, anche se non sono d’accordo. “
Il dolore e la reazione di un bambino a un genitore Incontri
I bambini dovrebbero ricevere un’attenzione particolare quando un genitore inizia a data. Può essere un processo confuso e difficile per un bambino a qualsiasi età ad accettare un genitore passare.

Brewer ha detto che è necessario essere consapevoli dei sentimenti intensi i vostri figli potrebbero avere come si inizia a data. Parlare con loro e capire i loro sentimenti prima. Nei bambini più piccoli, i cambiamenti di comportamento possono indicare sentimenti che voi, come un genitore, necessità di esplorare con loro; si può prendere in considerazione consulenza familiare per aiutare voi e il vostro bambino gestire i sentimenti forti che possono sorgere.
Dolore, senso di colpa, e un nuovo rapporto

Secondo Brewer, è normale per alcune persone di provare senso di colpa quando si inizia una nuova relazione dopo la morte di un partner. “A volte questo senso di colpa è un segno che si potrebbe essere in movimento troppo rapidamente in un nuovo rapporto,” dice. “La terapia può essere utile se il senso di colpa è grave, ma si può anche scegliere di non iniziare una nuova relazione finché non si è più avanti nel processo di lutto.”

Avvio di un nuovo rapporto nelle prime fasi del processo può essere un tentativo di sfuggire sentimenti di dolore e di perdita, che a volte può ritardare il dolore, Brewer nota. Questo spesso porta ad un riemergere di dolore dopo una nuova relazione è stata stabilita.
Terapia dolore può essere efficace nell’ottenere il processo di lutto in movimento se hai difficoltà a tollerare le forti emozioni che lo circondano, dice Brewer.
Andare oltre il tuo dolore non significa che ti dimentichi il coniuge o il partner: può sempre portare quella persona nel vostro cuore, come si va avanti. E non stupitevi se il dolore riaffiora in occasione.
“Ci saranno momenti in cui il dolore può riemergere provvisoriamente per il resto della tua vita”, dice Brewer. “Questo è normale e sano.”
A partire da oggi è ancora una parte importante del processo di guarigione e può essere molto gratificante, ma ci vuole coraggio. Quando siete pronti ad oggi, celebrare il vostro coraggio e le nuove possibilità come si inizia questo nuovo capitolo della tua vita. Può accadere di nuovo.

E ‘un nuovo giorno

Originale da 

L’ho fatto. Mi sono trasferito fuori. Ricevo un divorzio. L’anello viene rimosso, sebbene il trattino rimane. Mi dispiace, io sono stato così tranquillo nelle ultime settimane. Molto è stato nella mia mente. Non sono venuto a questa decisione alla leggera … alcuni di voi ricorderannoho quasi lasciato qualche mese fa . Al momento, uno dei miei blogger preferiti mi ha spinto a seguire il mio cuore, e di seguire l’amore. Grazie  . Questo è esattamente quello che sto facendo. Ho capito molte cose nel corso dell’ultimo anno. Il mio episodio mi ha cambiato. Mi ha scosso. Mi strinse la mia anima. Mi ha fatto capire ciò che conta e ciò che conta è il mio cuore. Mio marito era cresciuto a temermi – e la mia sanità mentale. Se ho riso troppo, ha messo in discussione esso. Se mi trovavo fuori sotto la pioggia per godersi l’aria fresca, lui mi tirare indietro dentro. Lui mi ha scoraggiato di tornare a scuola per fare qualcosa che amo.Egli mi avrebbe minacciato con il reparto psichiatrico se pensava che mi stavo comportando in modo strano. Ma …. guardando indietro, ci sono stati problemi tutti insieme. Troppo bere.Troppo erbaccia fumo. Troppo urlare. Non abbastanza divertimento. Non abbastanza comprensione. Non abbastanza crescita o il progresso. Non abbastanza a ballare sotto la pioggia. Ho finito. E ‘un nuovo inizio. Questa volta sto seguendo il mio cuore, e sto seguendo l’amore. Non vedo l’ora di vedere cosa i prossimi mesi tenere per me. Vi terrò aggiornati, ma ti prego perdonami se non sto postando frequentemente. Sto vivendo la mia vita. Sto seguendo i miei sogni.

Reset

via Grief: Counting the Days, Weeks, Months.

Grief: Counting the Days, Weeks, Months

When you first lose a significant person in your life, one whose death rocks your world to its very foundations so nothing will ever be the same, it’s as if your internal clocks reset themselves.

At first, you count the hours you’ve lived since he died, then, after you’ve survived twenty-four or forty-eight interminable hours, you being counting the days. Eventually you move on to counting weeks, months, years, and even decades. To the uninitiated, this counting seems as if you’re dwelling on the past, constantly reminding yourself of your sorrow. But the truth is, it’s a recognition of life — your new life, the one that was born the day he died. It also tells your fellow travelers where you are on this terrible journey in the same way your age tells people where you are in life’s journey.

When I talk about Saturday, my sadder day, and mention how many sad Saturdays I’ve survived, it’s not the number that makes me sad. Nor is it the day that makes me sad.  It is the onset of sadness that makes me realize what day it is. The sadness is a subconscious, visceral reminder that I once loved, once was loved, once shared my life. Since I now count my grief by months, I often have to check my calendar to find out how many Saturdays I have mourned/celebrated that shared life. The number is merely a street sign, the name of a crossroad so others know where I am in relation to my grief. I don’t need the number. I know where I am — I can feel it.

I used to worry that I was putting myself in a bad light by all this talk of grief, that I might seem weak or even pathetic, but the more clearly I see this journey for what it is — not just resetting your internal clock but resetting your life — the more I understand the importance of showing the truth.

We live in a civilization that reveres positive thinking and positive thinkers. We admire people who bear their sorrow with a smile, who swallow their tears and talk brightly of their future. Perhaps they are admirable, perhaps they are in denial, perhaps it is their nature. But it puts an intolerable burden on those who have to push their grief deeper inside so that no one faults them for it.

We need people to show us a way to grieve, to show us their pain and their healing; otherwise, how are we to know what is the truth of grief? So often, the bereft feel they are crazy because they’ve never seen/read/heard of anyone who experienced such symptoms as theirs. We’re so ingrained into believing that Kubler Ross’s stages are the blueprint for grief, that anything else is abnormal. But in my experience (talking to others who have lost their mates), her stages are mere blips in the spectrum of grief. Other stages are much more prevalent: physical pain (not just emotional), bewilderment, yearning, seeking. And counting.

Counting isn’t really a stage. It’s more that we are aware of the ticking of our internal clocks, the clocks that were reset on the day he died.

Chat Addiction

recent_press_hm_thumb-150x150[1]The thought may make many people cringe, but like alcoholics, just one drink opens a can of worms, and just one superfluous text and the avalanche begins.

Chat, chat and more chat, the world is full of electronic chat, cell phones and computer. People spend hours and hours sharing everything from the simplest activity to the deepest secret. The need for chat overwhelms some people, and they find themselves caught up in the addiction of chat. Slowly life revolves around chat with every waking moment possible focused on the next text or chat.

Sounds crazy to some people and to others chat is an important activity of life. The following seven signs of chat addiction can help you examine your need for chat and the time spent on online or texting. Life is full of choices, but have you chosen to spend your life caught in the stream of electronic communication?

1. You laugh by saying LOL instead of actual laughter. Think this cannot happen, well, people have confessed to actually saying LOL because they spend so much time electronically chatting.

2. Your spelling looks like a stenographer’s pad filled with gr8, imho, rflmao, u2 and a thousand other shortcuts.

3. You can’t remember the last time you sat with a friend and had a voice chat, but you have spent the last three weeks online or on your cell phone texting to a multitude of friends and friends of friends.

4. You know more about your favorite stars, and their daily activities via twitter and other online chat than you know about your family and friends. These people have more influence than your family and friends on acceptable social behavior and actions.

5. Your computer is never logged off or your cell phone is never more than a few inches away and always on, “just in case.” You constantly pick up your phone certain the signal malfunctioned.

6. You go to dinner with a friend or family, but spend the entire meal texting someone back and forth. Somehow the enjoyment of the moment is lost amid the random thoughts shared back and forth. You cannot switch off your cell phone for fear you will miss an important text, or you sit at the table distracted because you wonder what you are missing not being online.

7. You answer random or misdirected texts to strangers because you cannot resist having a conversation, any conversation that comes your way. You are chat compulsive, and the thought of letting this text or any Internet chat unanswered makes you antsy.

Chat addiction is an addiction when the need for chat is greater than any other activity in your life. Sure you went to the movie, but you spent the entire time texting about the movie, your thoughts, or whatever comes to mind. Somehow, the total experience is lost as focus is on that tiny screen in front of you.

Many people addicted to chat have also let their lives go on hold as they get their daily fix. One has to be concerned if a person is online more hours than offline with family and life. Sometimes the best way to conquer this addiction is to stop chat except for family emergencies or work-related. The thought may make many people cringe, but like alcoholics, just one drink opens a can of worms, and just one superfluous text and the avalanche begins.

Source : http://voices.yahoo.com/seven-sure-fire-signs-chat-addiction-6954640.html?cat=25

Fermate tutti gli orologi, isolate il telefono

 FUNERAL BLUES

W. H. Auden

BLUES IN MEMORIA

Fermate tutti gli orologi, isolate il telefono,
fate tacere il cane con un osso succulento,
chiudete i pianoforte, e tra un rullio smorzato
portate fuori il feretro, si accostino i dolenti.

Incrocino aeroplani lamentosi lassù
e scrivano sul cielo il messaggio Lei È Morto,
allacciate nastri di crespo al collo bianco dei piccioni,
i vigili si mettano guanti di tela nera.

Lei era il mio Nord, il mio Sud, il mio Est ed Ovest,
la mia settimana di lavoro e il mio riposo la domenica,
il mio mezzodì, la mezzanotte, la mia lingua, il mio canto;
pensavo che l’amore fosse eterno: e avevo torto.

Non servon più le stelle: spegnetele anche tutte;
imballate la luna, smontate pure il sole;
svuotatemi l’oceano e sradicate il bosco;
perché ormai più nulla può giovare.

(Traduzione di Gilberto Forti)