Month: April 2014

Holy Humour

Taken from Trinity Newsletter a Methodist Church in Basingstoke

A father approached by his small son who told him proudly “I know what the Bible means!”

His father smiled and replied, “what do you mean, you ‘know’ what the Bible means? The son replied, “I do know!”

Okay said his father.

What does the Bible mean ?

That’s easy, Daddy it stands for

Basic

Information

Before

Leaving

Earth

Il Re e il cane


Vera Lúcia de Oliveira


Non c’è di meglio che un re
per guastare la festa:
arriva
si sceglie i campi migliori,
li recinta.
E noi qui fuori ad avere nostalgia
ad aspettare il cane che ci custodisca,
che ci costringa all’immobilità.
Il cane
che risponde all’appello regale
con la fretta di chi conosce
la voce
del padrone
e basta.

Vera Lúcia de Oliveira si è laureata in Lettere all’Universidade Estadual Paulista (Brasile) nel 1981 e in Lingue e Letterature Straniere Moderne all’Università degli Studi di Perugia nel 1991. Nel 1997 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Lingue e Letterature Iberiche e Iberoamericane presso l’Università degli studi di Palermo. Insegna Lingue e Letteratura Portoghese e Storia della Cultura Brasiliana all’Università degli Studi di Lecce.
Ha pubblicato diversi libri di poesia:
– A porta range no fim do corredor, San Paolo, Scortecci, 1983
– Geografie d’Ombra, Venezia, Fonèma, 1989
– Pedaços/Pezzi, Cortona, Etruria, 1989
– Tempo de doer/Tempo di soffrire, Pellicani Editore, Roma, 1998.
È autrice di numerosi lavori su poeti contemporanei pubblicati in riviste italiane, portoghesi, brasiliane. La poesia “Il re e il cane” è stata scritta originalmente em lingua italiana.

Fermate tutti gli orologi, isolate il telefono

 FUNERAL BLUES

W. H. Auden

 

BLUES IN MEMORIA
Fermate tutti gli orologi, isolate il telefono,
fate tacere il cane con un osso succulento,
chiudete i pianoforte, e tra un rullio smorzato
portate fuori il feretro, si accostino i dolenti.

Incrocino aeroplani lamentosi lassù
e scrivano sul cielo il messaggio Lei È Morto,
allacciate nastri di crespo al collo bianco dei piccioni,
i vigili si mettano guanti di tela nera.

Lei era il mio Nord, il mio Sud, il mio Est ed Ovest,
la mia settimana di lavoro e il mio riposo la domenica,
il mio mezzodì, la mezzanotte, la mia lingua, il mio canto;
pensavo che l’amore fosse eterno: e avevo torto.

Non servon più le stelle: spegnetele anche tutte;
imballate la luna, smontate pure il sole;
svuotatemi l’oceano e sradicate il bosco;
perché ormai più nulla può giovare.

(Traduzione di Gilberto Forti)

Stop all the clocks,cut off the telefone

  A poem by W.H . Auden

Funeral Blues

Stop all the clocks, cut off the telephone,
Prevent the dog from barking with a juicy bone,
Silence the pianos and with muffled drum
Bring out the coffin, let the mourners come.

Let aeroplanes circle moaning overhead
Scribbling on the sky the message She Is Dead,
Put crepe bows round the white necks of the public doves,
Let the traffic policemen wear black cotton gloves.

She was my North, my South, my East and West,
My working week and my Sunday rest,
My noon, my midnight, my talk, my song;
I thought that love would last for ever: I was wrong.

The stars are not wanted now: put out every one;
Pack up the moon and dismantle the sun;
Pour away the ocean and sweep up the wood.
For nothing now can ever come to any good.

W. H. Auden has written an unusual response to death in “Stop All the Clocks, Cut Off the Telephone.” The title itself demands that seemingly unreasonable actions be carried out. Why should all the clocks be stopped? Why should the telephone be cut off? The normal events of daily life, such as clocks ticking, telephones ringing, dogs barking, and pianos playing are for some reason not allowed. We do not yet know what this reason is. The imperative verbs in the first three lines of the first stanza are all controlling, forbidding words: ‘stop,’ ‘prevent,’ and ‘silence.’ Only with the first mention of death do the verbs become permitting: ‘bring,’ ‘let,’ ‘put,’ and yet another ‘let.’ A coffin and mourners are both allowed to be present. In fact, the more public happenings that do not ordinarily have anything to do with death must be made undeniably representative of it.

Aeroplanes can make “moaning” noises as they fly, “public doves” must wear black bows as they take wing. Policemen are allowed to “wear black cotton gloves” as they direct traffic.

The less stern, more lenient verbs present with the mention of death suggest that a choice is possible. By giving the normally life-affirming entities a choice to represent death, the speaker is implying that they, or, in the case of the aeroplanes and doves, those who may manipulate them, would do so in the favor of death without a second thought. If they do not choose to, however, they are allowed this breach of expected conduct – it seems as if the speaker does not truly care either way. With a limp, shooing hand movement, the speaker implies that whatever happens to transform itself to represent death can or not; it is in his mind as changed already. Only the normal, private activities of life must be repressed, as the speaker’s grief has presumably interrupted the normalcy of his own life.

 

Calling the deceased man “my North, my South, my East and West” in line 9 implies he was the speaker’s compass; perhaps the speaker’s moral compass, or reason for traveling in any direction with his life. This brings up the question of the speaker’s relationship to the dead man: friend, relative, lover? Whichever the connection, the reader can assume the speaker loved the man dearly. Declaring the dead man “my working week and my Sunday rest” suggests that the latter was the speaker’s entire life, since work and ‘Sunday rest,’ or relaxation/time spent not working, usually comprise the overarching categories of adult life. The following concepts the speaker insists the man embodies, his ‘noon,’ ‘midnight,’ ‘talk,’ and ‘song,’ fall into the more complex realms within ‘rest.’ ‘Noon’ could stand for the playful heat and relaxation commonly associated with noon; ‘midnight’ a solemn, mysterious, bewitched time – the parts of a human relationship that are mysterious and never truly understood. ‘Talk’ implies discussion of serious subjects, whereas ‘song’ suggests merriment and fun. The four terms cover a complex and diverse swathe of human life, suggesting that the dead man was a large part of the speaker’s life.

 

In the last line of the third stanza, the speaker says that he was wrong in thinking “that love would last for ever”. This brings up the possibility that the poem is not about death at all. The speaker could be suggesting that death has ended the love between himself and the man, but could also be insinuating that the entire poem is an exaggerated outpouring of emotions loosed by the end of a relationship.

 

In the last stanza, the heavenly bodies that create noon and midnight are ordered to be destroyed, with the harsh finality of the imperatives in the first three lines of the poem. The most constant bodies that have been around since the birth of man and helped sustain him, as the speaker must feel the ‘deceased’ man has been, must be disposed of. The speaker’s audience is ordered to “pack up the moon,” “dismantle the sun,” “pour away the ocean,” and “sweep up the wood.” In this case, ‘wood’ might stand for the trees of forests, which create oxygen, equally as essential for human survival as the light of the sun and water, and as the speaker feels the dead man was to his continued existence. Even the stars, the last glimmers of hope lighting up the dark, unfathomable sky of human life, must be “put out.”

 

The last line, a depressing assertion that “nothing now can ever come to any good,” reaffirms the possibility that the poem may be about an ended relationship. With a true removed from the speaker’s life in some way, but still alive, he may feel that his life is hopeless until the man is persuaded to enter the relationship again with the speaker. With a true love dead, the man may feel that any chance for happiness and genuine connection with another in his life is dashed for good. Every time he attempts to engage in the daily activities that form the backbone of his life, he will be alone, his true love destroyed like the poem demands of the ocean and stars, and feel hopeless. Auden has taken the universal, inarticulate despair everyone feels when somehow losing a loved one, and successfully articulated it.

It’s great to be young

MADDNESS

There were many things that helped us get through “The troubles” with some kind of sanity. James Young was probably top of the list!. With his brand of comedy, he made us laugh at ourselves, and made us see how futile the fighting, murder and mayhem was. The trip to Dublin probably came closest to this. He could make us laugh, he could make us cry, but most of all he made us think. God bless you, “Our Jimmy”

A genius of our times

A Poem

Very moving and well acted- showing that he wasn’t just a brilliant Comedy actor.  (See words at end)

 

The Effincrackers

Cause of the troubles

Canada,Calofornia or nothing 50 weeks holidays 2 weeks work

Norn Iron

Off to Dublin

At the Hospital

The Poem

They have given me me notice. I must pack me sticks an go

It’s part of this slum clearance scheme an it must be done a know
because, a house is like a person, it gets run down an oul
an it suffers like the rest o us from the years aheed an coul.
The talk is all o housin trusts an flats an new estates,
have bathrooms an wee gardens an subsidies for rates.
but down near at the City Hall uner the big green dome,
that the minage place their pullin down is some poor crater’s home.
It seems like only yesterday since my Mary dear an me
come to this house from our honeymoon it was a trip to Cardeley
an this wee house bit us welcome, we knew that this was home
an always we would mind it no matter who would rome.
The front door had a knocker with a shine that would blin your eye
an the winda’s got a lick o paint each year around July.
With paper an its temper, we would always kept it neat
an sure Mary scrubbed the front door step half roads across the street.
We had the wee back yard well white washed an as neat as it could be
o nastursium’s an bergonia’s an some ferns ecarnity.
There’s a wee hout who’s placed down the yard it often makes me grin.
The doors still got the chisel marks where wee shoey got shut in.
The childer grew up roun us six fine sturdy sons we had.
This wee house bid them welcome, it was home till every lad.
It’ll linger in their memories still, though far they had to rome.
The waters call it just a slum, till them it’s, it’s home.
We had no television then, but ach, sure we’d never lack
lots of good company round the fire an a bit of friendly craic.
An ja know this wee house seemed ta listen. When a neighboured toul a joke
an, somehow it would hear it laughin back when I’m given the fire a poke.
We had one wee golden lassy were we’d be watchin smile.
we thought her light the brightest for it shone that short a while.
an on the day she left us, it was as if this house knew
for with silent sadness this wee house, mourned her to.
Soon Mary was to follow after, the man above knows best,
I’ll be content till I’m beside them when it comes my time to rest.
But I wish they’d let me stay a while till the master bids me come.
An the wee house bright with memories, an they call it just a slum.

Source : https://www.youtube.com/user/pchilds80

Dogs and Football

Saint Vojvodina

Source :http://www.corriere.it/foto-gallery/sport/14_aprile_27/boskov-citazioni-filosofia-humour-rigore-quando-arbitro-fischia-232cc7a4-ce36-11e3-b063-6dd286e8e91c.shtml  (Traductons mine)

Boskov’s Citations

When Perdomo played for Genoa:

If I let my dog loose, my dog dog plays better than him. Then he (rectified slightly) . I don’t say that Perdomo plays like my dog. I say that he can only play at football in the park of my villa with my dog.

Tackle su Perdomo (quando stava al Genoa): «Se io slego il mio cane, lui gioca meglio di Perdomo». Poi una rettifica (si fa per dire): «Io non dire che Perdomo giocare come mio cane. Io dire che lui potere giocare a calcio solo in parco di mia villa con mio cane»

Boskov’s citations. Half philosophy, some good advice,humour and provacation

Boskov e le sue citazioni. Un repertorio sterminato, a metà tra filosofia, racconti di vita, consigli spiccioli, humour e provocazione. Partiamo dalla più celebre, un trattato di pragmatismo kissingeriano non solo calcistico. «Rigore è quando arbitro fischia» (fotogallery di Alessandro Fulloni; twitter @alefulloni) 

 

 

Saint Vojvodina the first

Addio Vujadin Boskov, mitico
«padre-allenatore» della Sampdoria

Il mister serbo se ne è andato a 82 anni dopo una lunga malattia, portò i blucerchiati

a uno storico scudetto nel 1991. Poi allenò anche Roma e Napoli e l’ultima Jugoslavia

di Matteo Cruccu UC SAMPDORIA

Boskov ai tempi della vittoria dello scudetto nel 1991Boskov ai tempi della vittoria dello 

Più che un allenatore, il padre di una banda di scavezzacolli. Con quel suo italiano slavizzato che lo rese una vera icona, al di là del merito calcistico: mancherà a moltissimi Vujadin Boskov. Se ne è andato infatti a 82 anni, dopo una lunga malattia, nella sua Serbia, il tecnico che portò a vincere uno scudetto (il primo e l’ultimo della sua storia) alla straordinaria Sampdoria di Vialli e Mancini, a cavallo tra gli ‘80 e i ‘90.

Si affacciò ad Ascoli

Nato nel 1931, discreto mediano, colonna della nazionale jugolsava, dopo aver allenato nel suo Paese e in Spagna (al Real Madrid un buon triennio dove eliminò l’Inter in semifinale di Coppa Campioni nel 1981), in Italia si affacciò all’Ascoli nell’1985, prima di venire portato a Genova (dove pure aveva giocato-brevemente- in gioventù), un anno dopo, dal presidentissimo Mantovani. Di lì, i sei anni che coincidono con la storia massima della società blucerchiata: basta lasciar parlare il palmares. Il leggendario scudetto del 1991, ma anche due Coppe Italia, una Supercoppa Italiana, una Coppa delle Coppe e mettiamoci pure la sfortunatissima finale di Coppa Campioni 1992 a Wembley con il Barcellona del Dream Team.

Sei anni straordinari

Una sconfitta dolorosissima che di fatto segnò il primo addio di Boskov alla Samp, mentre Vialli, suo delfino, se ne andava in direzione Torino. Poi ci saranno Roma, Napoli, ancora Samp (ma in tono decisamente minore) e un’ultima esperienza con l’ultima nazionale jugoslava prima che il Paese dove Vujadin era nato e cresciuto morisse per sempre. Ma quei sei anni rimangono straordinari: Boskov fu una sorta di padre, in una squadra di giovanotti fortissimi ( e dall’ego ben sviluppato). A cui diede molta libertà, col risultato di un calcio bello e spumeggiante. E non c’erano solo i suoi «gemelli prediletti» Vialli e Mancini, ma anche i vari Pagliuca, Cerezo, Pari, Katanec, Dossena…Boskov e l’arte della citazione: «Rigore è quando arbitro fischia»

Gullit e Perdomo

Il personaggio sfondò presto anche al di fuori dal campo. «Rigore è quando arbitro fischia» rimane la massima par excellence del serbo. Ma di perle ne regalò a bizzeffe negli anni, amplificate dagli sfottò di quei mattacchioni della Gialappa’s (vedi «Gullit è cervo quando esce di foresta» o il povero genoano Perdomo «degno di giocare nel parco di mia villa con mio cane»). Una simpatia istintiva, immediata insomma che lo fece amare non solo dai doriani, ma da tutti i tifosi italiani.

Gli omaggi dei suoi ragazzi

Fioccano intanto gli omaggi dei suoi ragazzi. Mancini innanzitutto: «Per noi era un fratello maggiore, che ha saputo tirare fuori il meglio. Il papà era Paolo Mantovani, il nostro presidente, e ora si incontreranno in cielo e si faranno due risate per i tanti momenti belli passati insieme». Per Mihailovic, che Boskov allenò alla Roma, se ne è andato «un maestro e un padre». E sempre in quel breve trascorso in giallorosso fece esordire un certo Totti: « Un grande uomo- così lo ricorda il capitano- dotato di un umorismo acuto e intelligente. Ricordo ancora il giorno del mio esordio con lui sulla nostra panchina…Come potrei dimenticarlo?». Già, come potremo dimenticare Zio Vuja?

Il ricordo di Roberto Mancini

Il ricordo di Roberto Mancini su Vujadin Boskov:<br /><br /> "Vujadin Boskov si presentò allo spogliatoio un bel mattino d’estate, ci squadrò a lungo scuotendo ogni tanto la testa, e alla fine dell’esame, alzando un po’ la voce, più o meno disse: «Voi siete Sampdoria. Da oggi barbe fatte, vestiti in ordine e niente occhiali da sole, perché quando la gente vi vede deve pensare che Sampdoria è club di stile». Non ricordo verso chi mi girai, ricordo quel che dissi «ma chi è? Hitler?». La cayenna durò tre giorni, perché da una parte noi togliemmo dal guardaroba le magliette proprio impresentabili e dall’altra lui smise i panni del poliziotto, e dopo altri tre giorni eravamo quasi amici. Dico quasi perché tra allenatore e giocatori un minimo di distanza deve esserci sempre, ma fu ben presto chiaro a tutti che per Vujadin non eravamo soltanto lavoro. Ci voleva bene. E siccome la Samp aveva già un “padre”, Paolo Mantovani, lui non volle mai essere altro che un fratello maggiore, pronto a metterci a disposizione la sua enorme esperienza. Eravamo una squadra giovane e talentuosa, lui fu l’uomo giusto al momento giusto: nei momenti difficili e ce ne furono anche nell’anno dello scudetto comunicava una tranquillità disarmante. «Siete i migliori, troverete la strada. Magari io conosco una scorciatoia...». E si finiva sempre a ridere: era la sua strategia per stemperare la tensione. Io combinavo un sacco di cavolate. In campo mi arrabbiavo, con l’arbitro e a volte anche con i compagni. Una domenica passai proprio il segno, e Boskov all’intervallo con espressione furiosa gridò davanti alla squadra «Mancini, tu sei un terrorista dello spogliatoio!». Ma no, mister...Ridevano tutti tenendosi la pancia, alla fine mi acquietai pure io. Sapeva prenderti, come tutte le persone molto intelligenti. E sapeva darti fiducia. Ricordo che prima delle partite col Milan diceva sempre a Vierchowod «tu prendi Gullit e infilatelo nel taschino». Raccontate adesso magari sembrano scemenze, ma in qui momenti l’autostima della squadra cresceva a dismisura. Giocavamo il calcio dell’epoca pre Sacchi, con il libero, i marcatori e una manovra studiata per far arrivare la palla in fretta a me e a Vialli. Forse eravamo i talenti migliori, di certo Vujadin ci ricordava sempre quanto fossimo inutili senza il lavoro della squadra. Sembrano banalità, ma per ragazzi di 20 anni con il mondo nelle mani certe lezioni sono preziosissime. Lo ringrazio ancora oggi, Boskov ha reso la mia giovinezza straordinariamente bella. Abbraccio con forza la sua famiglia, e me lo immagino in cielo, seduto accanto a Mantovani. Se me li ricordo bene, staranno già ridendo". [ROBERTO MANCINI]
Il ricordo di Roberto Mancini su Vujadin Boskov: “Vujadin Boskov si presentò allo spogliatoio un bel mattino d’estate, ci squadrò a lungo scuotendo ogni tanto la testa, e alla fine dell’esame, alzando un po’ la voce, più o meno disse: «Voi siete Sampdoria. Da oggi barbe fatte, vestiti in ordine e niente occhiali da sole, perché quando la gente vi vede deve pensare che Sampdoria è club di stile». Non ricordo verso chi mi girai, ricordo quel che dissi «ma chi è? Hitler?». La cayenna durò tre giorni, perché da una parte noi togliemmo dal guardaroba le magliette proprio impresentabili e dall’altra lui smise i panni del poliziotto, e dopo altri tre giorni eravamo quasi amici. Dico quasi perché tra allenatore e giocatori un minimo di distanza deve esserci sempre, ma fu ben presto chiaro a tutti che per Vujadin non eravamo soltanto lavoro. Ci voleva bene. E siccome la Samp aveva già un “padre”, Paolo Mantovani, lui non volle mai essere altro che un fratello maggiore, pronto a metterci a disposizione la sua enorme esperienza. Eravamo una squadra giovane e talentuosa, lui fu l’uomo giusto al momento giusto: nei momenti difficili e ce ne furono anche nell’anno dello scudetto comunicava una tranquillità disarmante. «Siete i migliori, troverete la strada. Magari io conosco una scorciatoia…». E si finiva sempre a ridere: era la sua strategia per stemperare la tensione. Io combinavo un sacco di cavolate. In campo mi arrabbiavo, con l’arbitro e a volte anche con i compagni. Una domenica passai proprio il segno, e Boskov all’intervallo con espressione furiosa gridò davanti alla squadra «Mancini, tu sei un terrorista dello spogliatoio!». Ma no, mister…Ridevano tutti tenendosi la pancia, alla fine mi acquietai pure io. Sapeva prenderti, come tutte le persone molto intelligenti. E sapeva darti fiducia. Ricordo che prima delle partite col Milan diceva sempre a Vierchowod «tu prendi Gullit e infilatelo nel taschino». Raccontate adesso magari sembrano scemenze, ma in qui momenti l’autostima della squadra cresceva a dismisura. Giocavamo il calcio dell’epoca pre Sacchi, con il libero, i marcatori e una manovra studiata per far arrivare la palla in fretta a me e a Vialli. Forse eravamo i talenti migliori, di certo Vujadin ci ricordava sempre quanto fossimo inutili senza il lavoro della squadra. Sembrano banalità, ma per ragazzi di 20 anni con il mondo nelle mani certe lezioni sono preziosissime. Lo ringrazio ancora oggi, Boskov ha reso la mia giovinezza straordinariamente bella. Abbraccio con forza la sua famiglia, e me lo immagino in cielo, seduto accanto a Mantovani. Se me li ricordo bene, staranno già ridendo”. [ROBERTO MANCINI]